Semi di quinoa: straordinario valore nutrizionale

Merceologicamente classificata come cereale, la quinoa è una delle piante in assoluto più ricche di proprietà nutritive.

Priva di glutine ed adatta anche a chi soffre di celiachia, la quinoa contiene alte concentrazioni di amido, proteine, carboidrati, fibre alimentari, sali minerali, come calcio, ferro, magnesio, sodio, zinco e fosforo, vitamina C, vitamine del complesso B, acido pantotenico e vitamina E, che le conferisce preziose proprietà antiossidanti.

Pianta annuale tipica del Sud America, la quinoa ha un sapore gradevole. Dopo la raccolta, i semi di quinoa devono essere accuratamente lavorati per eliminare il rivestimento fibroso. Vanno poi cucinati in maniera analoga al riso, con una cottura di poco più di 20 minuti, e possono essere utilizzati in un’ampia gamma di preparazioni. Le foglie, invece, vengono consumate come verdura, analogamente a quelle di spinacio, barbabietola ed amaranto. È molto diffusa la quinoa intera o macinata grossa, da utilizzare nella preparazione di zuppe e primi piatti.

Loading...

quinoa

Eccellenti caratteristiche nutrizionali dei semi di quinoa

Alimento ancora poco conosciuto nel nostro Paese, la quinoa vanta uno straordinario valore nutrizionale. Proprio in virtù delle sue eccellenti proprietà nutritive, le è stato attribuito il nome di superfood.

Analogamente all’amaranto, al miglio e al grano saraceno, i semi di quinoa sono naturalmente privi di glutine. Grazie al magnesio, aiutano a prevenire l’ipertensione, le aritmie ed altre malattie cardiovascolari. Inoltre, come accennato, la vitamina E è un eccellente antiossidante in grado di proteggere l’organismo dalla comparsa di radicali liberi.

La quinoa contiene anche due preziosi aminoacidi, la metionina, in grado di metabolizzare l’insulina, e la lisina, che favorisce la crescita delle cellule celebrali. La lisina unitamente alla vitamina C aiutano il tessuto organico a rimanere stabile.

Come accennato, i semi di quinoa sono ricchi di fibre alimentari, utili al buon funzionamento dell’intestino, alla moderazione dell’indice glicemico del pasto nonché alla riduzione della colesterolemia.

Loading...