Capelli ricci: ecco come curarli!

Capelli ricci

Avete i capelli ricci e non sapete come curarli e gestirli? In realtà, con dei piccoli accorgimenti, curare i capelli ricci è molto semplice e, inoltre, il risultato è stupefacente. Ogni riccio è un capriccio? Di sicuro, ogni riccio aumenta il fascino della donna.

Capelli ricci: curare l’idratazione

Uno degli aspetti fondamentali riguarda l’idratazione del capello. Chi ha una folta chioma riccia, sa che spesso i capelli di questo tipo tendono a essere molto secchi. Come fare, quindi, per idratare a fondo i ricci?

Il primo consiglio utile è quello di utilizzare dei prodotti specializzati. Ce ne sono così tanti in commercio che, ormai, c’è l’imbarazzo della scelta. Basta provare e trovare quello che fa al caso proprio. Pertanto, nel proprio bagno non dovranno mai mancare balsamo districante, shampoo nutriente, prodotti anticrespo, creme modellanti e schiume specifiche per capelli ricci. capelli ricci

Loading...

L’impacco pre-shampoo

Molto spesso, quando si ha questo tipo di capelli, il solito shampoo non basta: è importante, quindi, fare delle maschere nutritive ristrutturanti. In commercio se ne trovano davvero tante, anche con INCI totalmente bio, ma se si preferisce il fai da te, si possono preparare anche delle maschere capelli fatte in casa.

Quali ingredienti scegliere? Di sicuro servirà un olio, che andrà a nutrire il capello sino alla radice. Per i capelli ricci, l’olio di cocco è quello migliore in assoluto, perché non solo nutre ma va anche a disciplinare il crespo e formare un bel riccio elastico. All’olio, che può essere anche quello di oliva, quello di mandorle o, ancora, quello di argan, si può aggiungere un po’ di yogurt, in quantità variabile alla lunghezza dei capelli.

L’impacco va applicato sempre sui capelli umidi, così da permettere la penetrazione nella struttura degli stessi e poi va risciacquato prima del normale shampoo.

Lo styling dei capelli ricci

Dopo aver lavato i capelli, si passa allo styling: asciugate i ricci a testa in giù, con l’aiuto di un diffusore. Si devono utilizzare specifiche schiume, possibilmente senza alcool, o, se si desidera un’alternativa naturale, va molto bene il gel d’aloe. 

Loading...