Stitichezza rimedi naturali, curiamo la stipsi con la natura

rimedi naturali stitichezza
Stitichezza, come combatterla con rimedi naturali

La stitichezza può essere fortemente debilitante, è per questo che va subito trattata e curata. Per evitare farmaci, è possibile affidarsi a rimedi naturali più che efficaci e veloci

Cosa è la stitichezza o stipsi

La stitichezza, o meglio stipsi, è un netto calo della frequenza di evacuazione dell’intestino, con una modificazione delle feci che diventano scarse e dure. Non esiste una frequenza standard per le evacuazioni, è una cosa che varia da persona a persona. Quindi è completamente errato dire di essere stitici se non si evacua quotidianamente. Una sola evacuazione ogni tre giorno o 3 evacuazioni al giorno sono da considerarsi nella norma, soprattutto se non provano sensazione di pienezza o dolori.

Di stitichezza ne soffrono in tanti, causa fastidi e sintomi difficili da gestire

Molte persone soffrono purtroppo ripetutamente di stitichezza. Questo disturbo può provocare diversi fastidi e sintomi difficili da gestire nella quotidianità. Per risolvere questo problema, dalle conseguenze anche piuttosto gravi, si può ricorrere ad alcuni rimedi naturali per ripristinare la regolarità intestinale perduta e per renderla più regolare.

Loading...

Consigli per evitare e combattere la stitichezza

Per combattere la stitichezza bisogna agire d’anticipo. Prima di tutto, è importante modificare la propria dieta. Utile è certamente il consumo abbondante di fibre, che permettono all’intestino di lavorare meglio. Ovviamente, gli stessi, vanno assunti con un abbondante consumo d’acqua.

Sono da evitare però le bevande gassate e zuccherata, che favoriscono la formazione di gas intestinale. Vediamo ora altri consigli e rimedi naturali per tenere a bada  e prevenire la stitichezza.

Preveniamo e curiamo la stitichezza con i rimedi naturali

  • Bere molto: è indispensabile assumere un quantitativo di liquidi necessario a favorire l’espulsione delle scorie dal nostro corpo. Con la giusta quantità di acqua, le fibre benefiche contenute nei cibi di origine vegetale possono trasportare più efficacemente le tossine lungo l’intestino e anche favorirne l’espulsione. È bene consumare almeno 2 litri d’acqua al giorno. Assumente tale quantità anche se non avvertite l’impellente stimolo di bere.
  • Semi di lino: contro la stitichezza questi semi sono davvero un toccasana. Permettono un più facilitato transito intestinale. Bastano assumere due cucchiai al giorno, di quelli interi, per avere dei benefici considerevoli. È bene assumerli con un bicchiere di acqua tiepida o a temperatura ambiente, cosicché i semi diventino mucillagini dalla funzione coadiuvante per il transito intestinale ed emolliente per lo stomaco e l’intestino.
  • Fichi d’India: hanno un effetto lassativo considerevole, contrariamente a quanto la credenza popolare induce a credere. Sono quindi utili contro la stitichezza. Si possono consumare freschi e sbucciati in modo accurato. Hanno la stessa funzionalità anche se si assumono dopo una prolungata essiccazione al sole. Se assunti in piccole dosi, possono contribuire al benessere del nostro organismo. L’alto contenuto di mucillagini favorisce l’attività intestinale e i piccoli semi sono utili alla pulizia interna.
  • Prugne: sono sicuramente tra i frutti più consumati da chi soffre di stitichezza. La prugna è un lassativo naturale, si può consumare sia da fresca che da essiccata. Migliorano la salute dell’intestino e abbassano il colesterolo, il rischio di contrarre malattie come il cancro e le patologie cardiache. Come se non bastasse, le prugne sono ricche di vitamina A e di potassio.

I rimedi naturali per la stitichezza più comuni

  • Bere acqua di cocco: è considerata un lassativo naturale molto efficace e capace di agevolare la digestione e la pulizia del tratto urinario. Si usa anche per abbassare i livelli del colesterolo e a prevenire malattie come l’arteriosclerosi. Abbassa anche la pressione a livello oculare e il quindi anche il rischio di glaucoma. Viene assunta anche per favorire i movimenti peristaltici e, in generale, la regolarità intestinale.
  • Mangiare legumi: i legumi sono ottimi per chi ha problemi di colesterolo, ma allo stesso tempo ricchi di fibre capaci di favorire il corretto funzionamento dell’intestino. Sono ancora più efficaci se abbinati al consumo di cereali, magari integrali, per fare il carico di amminoacidi utili a soddisfare il fabbisogno quotidiano.
  • Assumere Aloe vera: l’aloe vera è da sempre usata come rimedio curativo per diverse patologie. È noto da anni, infatti, che il gel contenuto nelle foglie aiuta la pelle a rimarginarsi e a rimanere giovane più a lungo. Ma non tutti sanno che l’aloe è ottima anche come lassativo. Il succo di questa pianta protegge l’intestino e normalizza le secrezioni intestinali. Una delle migliori in commercio è Zuccari Aloe Vera che trovate a questo link.

I rimedi naturali per la stitichezza meno convenzionali ma utili

  • Frutta secca: se consumata in quantità moderate, la frutta secca è il lassativo naturale data la sua bontà. Come dire, si unisce l’utile al dilettevole. Tra l’altro, la frutta secca ha un effetto emolliente nei confronti dell’intestino, in particolare le mandorle e il loro succo. Avendo un alto contenuto di calcio, tra l’altro, le mandorle dovrebbero essere assunte quotidianamente (Vitamina D), insieme ad una manciata di noci, fonti principali di omega3.
  • Barbabietole: tra gli ortaggi, le barbabietole come le verze, favoriscono la mobilità intestinale. Se assunte con le prugne possono essere molto lassative. Chi soffre di stitichezza cronica dovrebbe assumerle bollite quotidianamente, nella quantità di 100-150 grammi. Questi ortaggi hanno anche un’azione diuretica e sono ricche di acido folico, particolarmente consigliate in gravidanza e per scongiurare alcune malattie temute come quelle cardiovascolari.
  • Attività fisica: è indispensabile per evitare la stitichezza. È necessario evitare in tutti i modi la sedentarietà. Ed è bene seguire una alimentazione equilibrata e sana ma anche fare tanto esercizio fisico. Infine, per chi è impossibilitato per mancanza di tempo o altro, può ricorrere ad una semplice, piacevole ma lunga passeggiata: una al giorno basta per favorire l’attività intestinale.
Loading...