Olio di canola contro diabete e malattie cardiache

olio di canola

Olio di canola: alleato contro diabete e malattie cardiache.

Forse lo conoscete con un altro nome: olio di Colza perché si ottiene da una varietà geneticamente modificata di colza. L’olio va sempre sottoposto a lavorazione perché diversamente sarebbe nocivo per l’uomo.

L’olio di canola, una volta che è lavorato ha molti benefici per la salute, recentemente si è fatta una nuova scoperta.

Olio di canola contro

La rivista Diabetes Care ha pubblicato uno studio del dottor David Jenkins, responsabile del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre presso il St. Michael’s Hospital di Toronto (Canada). Secondo tale ricerca le persone con diabete di tipo 2 che seguono una dieta con aggiunto dall’olio di canola, sono meno a rischio di sviluppare malattie a rischio cardiovascolare.

144 pazienti diabetici son stati sottoposti allo studio ed è emerso che coloro che integravano la propria dieta con l’olio di canola avevano sia una diminuzione di glucosio nel sangue sia una diminuzione del colesterolo cattivo, che significherebbe anche meno farmaci ipocolesterolemizzanti, ovvero le statine. Ne gioverebbe anche chi soffre di sovrappeso.

Olio di canola: curiosità e proprietà

L’olio di canola nasce negli anni settanta dalla Brassica napus, una varietà di colza, che fu poi sostituita dalla Canadian Brassica, che conteneva un valore molto basso di acido erucico, pericoloso per l’uomo. Lo si trova in commercio, nei prodotti confezionati ma sotto il nome di olio vegetale.

Perché una volta lavorato fa bene alla salute?

Perchè è ricco di:

  • vitamina E e vitamina K

  • clorofilla, fitosteroli e tocoferoli

  • omega 6 e omega 3

Quindi ha specifiche proprietà che lo rendono importante per la salute:olio di canola

  • antiossidante

  • riduce il rischio di malattie cardiache

  • contrasta la sindrome metabolica

  • diminuisce i livelli di glucosio nel sangue

  • diminuisce i rischi di sviluppare malattie cardiache

  • riduce il grasso addominale

Cosa ne pensate?

Facebook Comments
Loading...